Oktoberfest: partenza in salita. Meno visitatori del previso nella prima settimana

L’Oktoberfest, la più grande festa popolare del mondo, entra nella sua seconda e conclusiva settimana, con qualche ombra per quel che riguarda l’affluenza nei suoi primi 7 giorni.. Per l’edizione numero 182erano previsti più dei 6,4  milioni di visitatori contati los scorso anno, invece al Wiesn, l’enorme spiazzo al centro di Monaco che la ospita, se ne sono presentati 3 miioni ivece di 3,3. Insomma il 10 per cento in meno nei quattordici i grandi tendoni delle birrerie locali, e nel luna-park, dominato dalle vertiginose silhouette della ruota panoramica e dei due grandiosi ottovolanti.

Quanto a cifre basterebbe quella dei più di sette milioni di litri di birra (7,6 milioni lo scorso anno N.d.R.) che vengono in media consumati. Una birra dalla gradazione alcolica oscillante tra il 5,8 e il 6,2 per cento, più forte dunque della classica chiara bavarese (Helles), normalmente sotto il 5 per cento. Attenzione: all’Oktoberfest l’unità di misura dei boccali è il Mass, poco meno di un litro. Non se ne mesce in quantità inferiori. Quest’anno il costo è, in media, intorno ai 10,30 euro al boccale. Naturalmente oltre a bere si mangia: specialità tradizionale assoluta è l’Hendl, il polletto arrosto allo spiedo (ca. 10,50 euro l’uno). E’stato calcolato che un visitatore dell’Oktoberfest spende in media 60 euro tra bere e mangiare-

I tendoni e se il tempo è clemente – come lo è stato finora, pur decisamente grigio e fresco, ma senza pioggia – i Biergarten, i recinti con i tavoli all’aperto, sono sempre strapieni: dalle 11 del mattino alle 23 di sera, per stare all’immutabile orario di apertura.

Alle 12 di sabato scorso tutti i tendoni erano già inaccessibili: gli addetti alla sicurezza non lasciavano entrare più nessuno. Lunghissime le file in attesa di poter finalmente entrare.

La musica delle orchestrine tradizionali in costume che si esibiscono su alti palchi al centro dei tendoni, mentre le cameriere in costume si districano tra le lunghissime file di tavoli gremiti di gente tenendo in mano e tra le braccia un incredibile numero di boccali di birra stracolmi di schiuma, risuona ai massimi volumi. Ma alle note del folk tedesco, bavarese o americano in genere, si sono da tempo aggiunte anche quelle, ancora più assordanti, del pop e del rock.

Proprio questo è stato un fine settimana particolare. Quello per tradizione denominato “degli italiani”. Quasi il 20 per cento dei visitatori stranieri dell’Oktoberfest è rappresentato da nostri connazionali. Si calcola che nei 16 giorni di manifestazione ne arriveranno circa 200 mila. Moltissimi con i pullman. Centinaia di pullman: week end bavarese tutto compreso a prezzi tra i 170 e 210 euro (a seconda che giungano da Ancona o da Napoli, come precisa il quotidiano di Monaco Süddeutsche Zeitung). Uno dei maggiori organizzatori di questi viaggi ha riempito 12 pullman il primo fine-settimana, 50 il secondo ed altri 50 ne riempirà nel week-end conclusivo. Ma una gran parte dei visitatori italiani raggiunge Monaco su camper o autocaravan, che tra venerdì e domenica avranno formato lunghissime code lungo l’autostrada del Brennero nelle due direzioni. Una bianca carovana mobile che prende d’assalto tutti i campeggi e gli spazi riservati disponibili. Poi via a piedi o con i mezzi pubblici verso il Wiesn.

Lasciare il mezzo parcheggiato lontano dai tendoni evita anche problemi con i controlli anti-alcol alla guida, particolarmente frequenti da parte della polizia. Proprio all’inizio di quest’Oktoberfest l’ex calciatore del Bayern Stefan Effenberg (con una non certo fulgida parentesi anche nella Fiorentina) è stato beccato con un tasso di alcol nel sangue ben superiore allo 0,5 per mille consentito. Oltre alla multa salata da pagare dovrà rinunciare alla patente per qualche mese.

I visitatori italiani, comunque, sono tra quelli più restii (potrebbero esserci dubbi al riguardo?) nel presentarsi all’Oktoberfest vestiti nei costumi tradizionali bavaresi: con i Lederhosen, calzoni in pelle, lunghi o corti, per gli uomini, mentre le donne sfoggiano il “Dirndl”, spesso dalle procaci scollature. Così non si può invece dire di altri turisti stranieri, giapponesi ed americani in testa, che sfoggiano a loro volta perfetti “Trachten” da fare invidia ai locali. Ma per un cittadino di Monaco o un bavarese in genere è una assoluta questione di “etichetta”: presentarsi al Wiesn senza costume, o almeno qualche suo elemento caratterizzante, è terribilmente out.

Gli italiani sono accolti generalmente con simpatia. Anche se non manca la solita ironia spicciola, basata sui consueti luoghi comuni come quella del tabloid TZ, che ha fatto un collage di “sei piccoli italiani” all’Oktoberfest, parafrasando una nota canzoncina tedesca degli anni ‘80, sottolineando la loro altezza non eccessiva. Più concreta la concorrente Abendzeitung, che ha dedicato loro un breve lessico pratico di Oktoberfest.

La sicurezza dell’Oktoberfest (che nel 1980 fu funestata da un attentato terroristico di stampo neonazista che costò la vita a 13 persone, con oltre 200 feriti) è assicurata da oltre 500 poliziotti e da un numero impressionante di telecamere. Ma proprio per la presenza di tanti italiani dal 2005 si ripete una simpatica tradizione: un gruppo di 5 agenti in divisa della Polizia di Stato provenienti dall’Alto Adige – quindi in grado di comprendere e parlare perfettamente il tedesco –sono presenti al Wiesn (insieme anche con due colleghi francesi, N.d.R.). Ovviamente non possono operare autonomamente dalla polizia locale, ma la loro presenza è un ulteriore contributo, non soltanto come deterrente psicologico, alla sicurezza dei turisti, che si possono rivolgere ai nostri agenti in casi di difficoltà, anche solo di lingua, o effettivo pericolo. I poliziotti italiani, a loro volta, segnalano ai colleghi tedeschi situazioni che richiedano un intervento di polizia specifico.

Naturalmente, nonostante tutte le misure di sicurezza, non poteva mancare l’idiota italiano di turno – nessuna giustificazione il fatto che quasi certamente fosse sbronzo – che al Wiesn si è esibito in un plateale saluto fascista. Era un uomo di 51 anni, la polizia che l’ha immediatamente fermato e trattenuto per alcune ore non ne ha rivelate né identità né esatta provenienza. Rimesso in libertà dietro il pagamento di una cauzione, dovrà quasi certamente affrontare un processo in Germania, dove il saluto nazista (o fascista che dir si voglia), denominato “Hitlergrüss” è reato penale e punito severamente.

Kommentar verfassen

Trage deine Daten unten ein oder klicke ein Icon um dich einzuloggen:

WordPress.com-Logo

Du kommentierst mit Deinem WordPress.com-Konto. Abmelden /  Ändern )

Google Foto

Du kommentierst mit Deinem Google-Konto. Abmelden /  Ändern )

Twitter-Bild

Du kommentierst mit Deinem Twitter-Konto. Abmelden /  Ändern )

Facebook-Foto

Du kommentierst mit Deinem Facebook-Konto. Abmelden /  Ändern )

Verbinde mit %s