Germania chiama Italia

...e viceversa

CHI SONO/ÜBER MICH

Marco Degl’Innocenti è nato a Perugia il 1 giugno 1948. Giornalista professionista dal 1973  ha la Germania come sua seconda Patria. Oltre a quella italiana, possiede anche la cittadinanza tedesca. Proprio in Germania, nella redazione italiana del Deutschlandfunk di Colonia (radio nazionale tedesca) è decollata la sua lunga carriera di giornalista e comunicatore. Dopo essere stato capo ufficio stampa del Gruppo Fiat a Francoforte ed a Londra e successivamente dell’Italdesign-Giugiaro di Moncalieri (Torino), dal 1999 è tornato a vivere stabilmente in Germania, a Greifenberg (Monaco di Baviera). Ha scritto per la Gazzetta dello Sport, principalmente di calcio e di F1, fino al 2013. In pensione, continua a collaborare a varie testate italiane.

Marco Degl’Innocenti wurde am 1. Juni 1948 in Perugia (Italien) geboren und hat Deutschland als seine zweite Heimat erkoren. Neben der italienischen besitzt er auch die deutsche Staatsangehörighkeit. Es war in Deutschland in der italienischen Redaktion des Deutschlandfunks in Köln, wo seine lange Karriere als Journalist und Kommunicator begann. Nach seiner Tätigkeit als Leiter der Pressestelle des Fiat-Konzerns in Frankfurt und London und anschließend bei Italdesign-Giugiaro in Moncalieri (Turin) seit 199 lebt er wieder dauerhaft in Deutschland, in Greifenberg (München), und schrieb bis 2013 für La Gazzetta dello Sport hauptsächlich über Fußball und die Formel 1. Im Ruhestand arbeitet er weiterhin mit verschiedenen italienischen Medien zusammen.

Quando feci incazzare Niki Lauda

Il 20 maggio 2019 a Vienna è morto Niki Lauda. Tre volte campione del mondo di F.1. Un ricordo che è anche un aneddoto

DI MARCO DEGL’INNOCENTI

Un’altra intervista esclusiva e ancora in circostanze particolari. Era il 10 maggio del 1977. Neppure un anno dopo il terribile incidente del Nürburgring, quando il pilota austriaco della Ferrari era scampato al rogo della sua monoposto, recuperando poi a tal punto forze e morale da vincere nello stesso anno il titolo iridato. Lo avrebbe riconquistato anche nella stagione successiva, ma l’8 maggio di quel 1977 era sembrato, invece, che la sfortuna si fosse accanita di nuovo e in modo stavolta definitivo, su di lui. Nel “warm-up” – la cosiddetta sessione di riscaldamento che allora precedeva il via delle gare – del GP di Spagna, sul circuito di Jarama, a causa di un rimbalzo della sua monoposto su un’irregolarità dell’asfalto della pista, Niki si procurò la frattura di una costola e fu costretto a rinunciare alla partenza.

  La notizia mandò in costernazione i tifosi ferraristi e in subbuglio la redazione della “Gazzetta”. Per chissà quale motivo, ma forse proprio per la solita ragione che ero l’unico a conoscere il tedesco e che quindi avrei potuto verosimilmente accedere a qualche informazione diretta in più, a Milano decisero di spedire me sulle tracce dello sfortunato pilota.

  Ovviamente non sapevo da che parte cominciare a cercarlo, quando arrivai a Salisburgo, dopo un “depistaggio” a Vienna, perché si era sparsa la voce che Lauda si fosse fermato nella capitale per un controllo da uno specialista di fiducia. Così cominciai a chiedere a poliziotti, negozianti, ma anche semplici passanti lungo la strada. Alla fine riuscii a raggiungere la villa che il ferrarista si era fatto costruire da poco e nella quale abitava con la prima moglie Marlene. Una costruzione isolata, moderna, dalle linee semplici, su un poggio verde, vista sui circostanti prati e boschi. Un vero idillio. Quando mi presentai l’accoglienza fu, però, tutt’altro che amichevole. Un domestico cercò di mandarmi subito via, dicendo che il padrone di casa non solo non c’era, ma da mesi non si faceva vedere. Io non mi lascia impressionare e parcheggiai la mia vettura appena qualche metro dall’ingresso. Faceva caldo, ero stanco, mi addormentai sul sedile. Fui svegliato dai latrati di un cane, un grosso alano che poi seppi si chiamava Bagheera, come la pantera del Libro della Giungla, che sporgeva il muso, anzi le fauci aperte con tutti i denti in bellavista, dalla ringhiera di una terrazza al primo piano.

  Accanto alla belva un Niki Lauda in tenuta casalinga, piuttosto seccato per l’improvvisa visita. Altro che benvenuto, le sue parole: “Ma cosa vuole da me, perché non mi lascia in pace, non ho niente da dire!”. Riuscii, però, a non farmi cacciare subito. Lo incalzai con la prima domanda, circa le sue condizioni, alla fine una specie di intervista, pur se davvero su due piani diversi, lui in terrazza, io sotto, venne fuori. Per fortuna riuscii a fargli dire che di lì a meno di una settimana sarebbe andato a Fiorano, sul circuito della Ferrari, per provare la vettura, e che se tutto fosse andato bene avrebbe successivamente corso a Montecarlo. Poi mi congedò piuttosto bruscamente, senza scomodarsi a scendere e uscire di casa per darmi la mano.

  Scrissi quell’intervista cercando di restare il più possibile neutro, ma la freddezza con cui riportai il dialogo e un paio di accenni sarcastici alla strana situazione nella quale mi ero trovato, non  piacquero troppo alla direzione della“Gazzetta”. In poche parole fui accusato quasi di lesa maestà nei confronti del mito ferrarista. Per la cronaca: Niki Lauda disputò il GP di Monaco, piazzandosi secondo dopo il sudafricano Jody Scheckter che allora pilotava una monoposto esordiente, l’anglo- canadese Wolf. Dopo avere rivinto il titolo mondiale con la Ferrari l’austriaco passò alla Brabham-Alfa Romeo.

  Ironia della sorte me lo ritrovai difronte proprio in occasione dell’ufficializzazione del suo contratto con la nuova scuderia. Sempre in circostanze decisamente fuori del normale. Già allora era nota la passione di Lauda per il volo. Niki non aveva ancora fondato la sua prima compagnia aerea, ma era già un esperto pilota. Ai comandi di un piccolo jet executive atterrò la mattina del 15 settembre 1977 sulla pista dell’aeroporto romano di Ciampino. Ovviamente era atteso da decine di giornalisti. Io però riuscii ancora una volta a intrufolarmi oltre i controlli – allora praticamente inesistenti, soprattutto nella zona cosiddetta vip – ad attraversare a piedi il piazzale e ad arrivare sotto la scaletta del jet. Quando Lauda sollevò il piccolo portellone della carlinga, a distanza di pochi mesi dal nostro burrascoso incontro di Salisburgo si ritrovò di fronte proprio me: il primo a dargli il benvenuto nella sua nuova avventura. Ebbe una reazione di stizza, mi fece un brusco cenno di allontanarmi e io capii che quella volta non sarei riuscito ad andare oltre. Così dovetti accontentarmi della conferenza stampa ufficiale, poche ore dopo.

  Sarebbero dovuti trascorrere più di vent’anni prima che Lauda ed io riprendessimo a incrociarci regolarmente, per quasi due lustri, sui circuiti della F.1 di mezzo mondo. Incontri mai oltre il formale, mai al di là dello lo stretto necessario alle mere esigenze professionali. Mai neppure un accenno a quei due lontani episodi, nemmeno per scherzarci sopra. Ma ho sempre avuto la sensazione che non se ne fosse dimenticato. E chissà perché non era una sensazione piacevole.

Leave a Reply

Your email address will not be published.