Con il „corona virus“ sull’uscio

DI MARCO DEGL’INNOCENTI

Non c’erano dubbi che il “Corona Virus” sarebbe arrivato prima o poi anche in Germania. Infatti è arrivato. Ma sapere che il focolare non è chissà dove, ad una tranquillizzante (si fa per dire) distanza, bensì nel raggio di poche decine di chilometri da dove vivi, lo ammetto, dà una strana sensazione. Sì, perché i quattro casi accertati finora in territorio tedesco sono stati registrati tra altrettanti dipendenti della famosa multinazionale di componentistica auto Webasto, che ha la sede principale a Stockdorf, meno di 30 km dall’ameno paesino di 1500 anime dove vivo che, ad onta della sua immagine tutto sommato ancora in sintonia con l’iconografia tipica bavarese, è sostanzialmente un dormitorio di gente che lavora in aziende del circondario, come la Webasto, appunto.

Per di più il primo paziente acclarato abita a Kaufering, piccolo centro presso la città di Landsberg am Lech, il capoluogo del nostro distretto, che dista solo una ventina di chilometri da casa mia. Per chi non conosce queste zone, aggiungo che siamo a 40 km ad ovest di Monaco di Baviera, poco più di mezz’ora di autostrada dalla centralissima Marienplatz.

Paura? Panico? Non direi proprio. Anche se il quotidiano  locale riferisce di una ormai vana caccia alle mascherine protettive nelle farmacie della zona, che ne sono già inesorabilmente prive, di psicosi qui non c’è traccia. I supermercati sono frequentati come sempre, soprattutto è affollata “Hardy’s”, la grande palestra orgoglio della zona. Per ora, dunque le sensazioni sono queste. Attesa apparentemente tranquilla di qualcosa che nessuno sa ancora ben definire. Questione di ore, di giorni e la forse soltanto apparente tranquillità potrebbe cedere il posto a sentimenti meno piacevoli. Ma sin da adesso mi viene spontaneo dire: proprio a me doveva capitare di ritrovarmi, in un certo senso, nell’occhio di questo improvviso ciclone? Con il “corona virus” sull’uscio, anche se ovviamente siamo ben lontani dalle spettrali, spaventose, immagini che arrivano dalla Cina? Chissà, forse c’erano persino meno probabilità di quelle di centrare la vincita di 67 milioni di Euro al superenalotto italiano. Speriamo che ‘a nuttata passi.

Kommentar verfassen

Trage deine Daten unten ein oder klicke ein Icon um dich einzuloggen:

WordPress.com-Logo

Du kommentierst mit Deinem WordPress.com-Konto. Abmelden /  Ändern )

Google Foto

Du kommentierst mit Deinem Google-Konto. Abmelden /  Ändern )

Twitter-Bild

Du kommentierst mit Deinem Twitter-Konto. Abmelden /  Ändern )

Facebook-Foto

Du kommentierst mit Deinem Facebook-Konto. Abmelden /  Ändern )

Verbinde mit %s