Germania chiama Italia

...e viceversa

CHI SONO/ÜBER MICH

Marco Degl’Innocenti è nato a Perugia il 1 giugno 1948. Giornalista professionista dal 1973  ha la Germania come sua seconda Patria. Oltre a quella italiana, possiede anche la cittadinanza tedesca. Proprio in Germania, nella redazione italiana del Deutschlandfunk di Colonia (radio nazionale tedesca) è decollata la sua lunga carriera di giornalista e comunicatore. Dopo essere stato capo ufficio stampa del Gruppo Fiat a Francoforte ed a Londra e successivamente dell’Italdesign-Giugiaro di Moncalieri (Torino), dal 1999 è tornato a vivere stabilmente in Germania, a Greifenberg (Monaco di Baviera). Ha scritto per la Gazzetta dello Sport, principalmente di calcio e di F1, fino al 2013. In pensione, continua a collaborare a varie testate italiane.

Marco Degl’Innocenti wurde am 1. Juni 1948 in Perugia (Italien) geboren und hat Deutschland als seine zweite Heimat erkoren. Neben der italienischen besitzt er auch die deutsche Staatsangehörighkeit. Es war in Deutschland in der italienischen Redaktion des Deutschlandfunks in Köln, wo seine lange Karriere als Journalist und Kommunicator begann. Nach seiner Tätigkeit als Leiter der Pressestelle des Fiat-Konzerns in Frankfurt und London und anschließend bei Italdesign-Giugiaro in Moncalieri (Turin) seit 199 lebt er wieder dauerhaft in Deutschland, in Greifenberg (München), und schrieb bis 2013 für La Gazzetta dello Sport hauptsächlich über Fußball und die Formel 1. Im Ruhestand arbeitet er weiterhin mit verschiedenen italienischen Medien zusammen.

E intanto Vettel sgomma per le api

© PHILIP PLATZER

DI MARCO DEGL’INNOCENTI

Che Sebastian Vettel sia da sempre particolarmente sensibile ai temi dell’ambiente e dell’ecologia è cosa nota. Non per niente il quattro vote campione del mondo tedesco di F1 vive da anni con la famiglia in una vera e propria fattoria in Svizzera. L’ex ferrarista, la cui seconda stagione al volante della Aston Martin non è proprio partita felicemente, prima di affrontare il prossimo GP di Miami, negli USA, ha voluto testimoniare ancora una volta i suoi convinti ideali di amante della natura partecipando a Monaco di Baviera, in Germania, ad un’iniziativa patrocinata del Parlamento Europeo per la protezione delle api. Un’azione rivolta a tutti coloro che risiedono in Germania perché, grandi o piccoli che siano, contribuiscano in vari modi ad aumentare il più possibile le superfici verdi fiorite o coltivate in modo naturale, onde offrire a questi indispensabili insetti, purtroppo sempre più minacciati dai mutamenti climatici e dalle insidie dell’uomo , il migliore habitat possibile.

“Le api sono veri eroi – ha detto convinto il pilota – lavorano molto più duramente di noi tutti. Per me è molto importante impegnarmi per il nostro pianeta. Nessuno può tirarsi indietro davanti ai cambiamenti climatici. Ne va del nostro futuro.”

Seb ha però anche ricordato che “chi vuole assumersi una responsabilità per il futuro, non deve necessariamente rinunciare alle qualità della vita, ma può semplicemente dare al suo piacere maggiore sostenibilità. In questo modo la tutela dell’ambiente e la propria coscienza posso convivere perfettamente. Io sostengo questo progetto perché voglio dire alla gente che veramente ciascuna e ciascuno di noi può fare qualcosa al riguardo”.

Sul suo futuro professionale Sebastian Vettel non si è però voluto sbilanciare anche se in occasione dell’evento ha dichiarato alla Bild: “Io sono ancora attivo in Formula 1. Il mio contratto (con l’Aston Martin n.d.r.) scade a fine anno. Ma non ho bisogno di mentire: il mio futuro è un argomento che mi impegna. Ho molte idee e sono una persona facile ad entusiasmarsi. Ma non ho preso ancora alcuna decisione. Dipenderà da quanto sarà forte la mia macchina, di come si evolverà il team e di come andranno le gare”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.