Germania chiama Italia

...e viceversa

CHI SONO/ÜBER MICH

Marco Degl’Innocenti è nato a Perugia il 1 giugno 1948. Giornalista professionista dal 1973  ha la Germania come sua seconda Patria. Oltre a quella italiana, possiede anche la cittadinanza tedesca. Proprio in Germania, nella redazione italiana del Deutschlandfunk di Colonia (radio nazionale tedesca) è decollata la sua lunga carriera di giornalista e comunicatore. Dopo essere stato capo ufficio stampa del Gruppo Fiat a Francoforte ed a Londra e successivamente dell’Italdesign-Giugiaro di Moncalieri (Torino), dal 1999 è tornato a vivere stabilmente in Germania, a Greifenberg (Monaco di Baviera). Ha scritto per la Gazzetta dello Sport, principalmente di calcio e di F1, fino al 2013. In pensione, continua a collaborare a varie testate italiane.

Marco Degl’Innocenti wurde am 1. Juni 1948 in Perugia (Italien) geboren und hat Deutschland als seine zweite Heimat erkoren. Neben der italienischen besitzt er auch die deutsche Staatsangehörighkeit. Es war in Deutschland in der italienischen Redaktion des Deutschlandfunks in Köln, wo seine lange Karriere als Journalist und Kommunicator begann. Nach seiner Tätigkeit als Leiter der Pressestelle des Fiat-Konzerns in Frankfurt und London und anschließend bei Italdesign-Giugiaro in Moncalieri (Turin) seit 199 lebt er wieder dauerhaft in Deutschland, in Greifenberg (München), und schrieb bis 2013 für La Gazzetta dello Sport hauptsächlich über Fußball und die Formel 1. Im Ruhestand arbeitet er weiterhin mit verschiedenen italienischen Medien zusammen.

Altro che “bomba”…Roncobilaccio oasi di pace

© M.Degl’Innocenti

DI MARCO DEGL’INNOCENTI

Diventò famosa nel 1978, Roncobilaccio. Il cantautore romano Antonello Venditti la inserì nella sua ormai storica ballata dal sapore anarchico “Bomba o non bomba: “A Roncobilaccio ci viene incontro un vecchio, lo sguardo profondo e un fazzoletto al collo…”, è la strofa che milioni di italiani, non soltanto quelli della mia generazione – quella di Venditti e del ”sessantotto” tanto per intenderci – avrebbero mai più dimenticato. Roncobilaccio era già da anni, per tutti gli automobilisti, un preciso punto di riferimento nella geografia del nostro paese. Per chi proveniva da nord, per gli italiani, ma anche per le centinaia di migliaia stranieri, tedeschi in testa, che ogni estate ci invadevano pacificamente , costituiva una sorta di porta verso il sud. Verso il sole.  Roncobilaccio era ed è tuttora una piacevole soleggiata frazione di Castiglion dei Pepoli, romantico borgo dell’appennino bolognese. Ma soprattutto un’area di servizio dell’autostrada. Per decenni una delle più importanti, a prescindere dalla citazione di Venditti. La sosta degli automobilisti era d’obbligo, sia per chi aveva appena scavallato il valico di Pian del Voglio proveniente da sud, sia per chi si apprestava a farlo per tuffarsi verso la Toscana. Quasi impossibile trovare posto nelle piazzole di sosta, con decine di TIR a contendere lo spazio alle autovetture.

Questo fino al dicembre 2015, quando, finalmente, fu aperta al traffico la “variante di valico”, con i suoi poco più di 30 km di lunghe gallerie: la “direttissima”, come si chiama adesso. Roncobilaccio, però, è sempre lì. Resta a presidiare con la sua duplice stazione di servizio il vecchio tratto della A1 ribattezzato, ad ottima ragione, “panoramica”. Ma il luogo, almeno dal punto di vista autostradale è irriconoscibile. Il traffico è ormai completamente o quasi assorbito dalla “direttissima”, soprattutto quello dei mezzi pesanti. Ed ecco che Roncobilaccio è diventata una meravigliosa oasi di pace, degna tappa di un viaggio quasi d’altri tempi, rilassante e sicuro, proprio a metà del vecchio, ma sempre bellissimo, affascinante, tratto appenninico. Certo, danno ancora un po’ fastidio le ripetute deviazioni con lunghi tratti di corsia unica (comunque in costante, sia pur lenta, diminuzione), dovute agli opportuni lavori di riammodernamento soprattutto nelle vetuste gallerie. Ma neppure questi costituiscono un problema eccessivo: il trafficò è talmente scarso che la probabilità di trovarsi in coda sono pressoché nulle. E ora sui piazzali delle due aree di servizio, notevolmente ridimensionati, si parcheggia con facilità. Anzi, ci si può anche distendere in una comoda sgranchita di gambe, mentre lo sguardo corre a 360 grati sulle verdi alture dell’appennino. E all’interno dei semplici locali che accolgono per il ristoro, non c’è ressa, ma una simpatica atmosfera di benvenuto all’emiliana, con personale giovane e sorridente. Insomma, Roncobilaccio ha cambiato pelle, in meglio decisamente. Adesso sembra davvero quasi che, all’improvviso, possa apparirci, per salutarci quel vecchio con lo sguardo profondo e il fazzoletto al collo di vendittiana memoria. Che però non avrà bisogno di avvertirci di “stare in campana perché hanno già chiamato la polizia a cavallo”. Ma la “stradale” con le sue pantere bianco-azzurre sì, qui si ferma sempre. Anche per un caffè e un panino.

© M.Degl’Innocenti

Leave a Reply

Your email address will not be published.